IT
EN
FR
DE
RU

PRODOTTI FAPROSID

LINGOTTI QUADRI

La ditta Faprosid ha la possibilità di produrre una vasta gamma di materozze di forma quadra, da dimensioni più piccole, diciamo da 1.500 Kg fino a 7.000 Kg  con dimensioni massime di 700 mm  di lato destinate alla laminazione, a dimensioni più grandi. Solitamente un quadro viene utilizzato fino a lingotti da 25.000 Kg con un lato da 1.500 mm, questi tipi sono  prettamente destinati alla forgiatura.

I quadri di grosse dimensioni stanno prendendo sempre più piede e spesso sostituiscono i tradizionali poligonali perché hanno il vantaggio di avere una migliore resa, il passaggio in forgia è semplificato perché si parte già da un quadro e non si ha una sostanziale differenza dal punto di vista della sanità interna.

I quadri per laminazione possono essere anche con la forma detta a ‘A’, ma solo dove c’è un adeguato rapporto di riduzione. questi migliorano la resa, facilitano la laminazione e semplificano lo strippaggio. Un’altra cosa importante da dire è la possibilità di colare placche da 6/8 lingotti che permettono una migliore qualità della resa dovuta a diversi fattori.



POLIGONALI A ‘V’

Questa tipologia di lingotto racchiude una varietà elevata di forme, si va da 2.000 a 160.000 Kg aventi 8 lati o 16 con la conicità spesso molto accentuata.

Hanno la caratteristica di avere un porta materozza tondo,che quasi sempre coincide cin il cerchio iscritto della figura della lingottiera.

Le altezze variamo molto tra i vari produttori, ovviamente gli utilizzatori preferiscono quelle di dimensioni minori a parità di risultati qualitativi.

Questa tipologia di lingotto viene utilizzata in forgia per corpi pieni dove le specifiche sono particolarmente restrittive.



POLIGONALI DRITTI

Generalmente le lingottiere possiedono 24 lati e possono arrivare fino a un diametro di 2.500 mm e con un peso del lingotto fino a 200.000Kg. si può dire che il limiti di peso e dimensioni di questi lingotti sia dettato dai vincoli impiantistici e dalle attrezzature per la movimentazione. Questi in genere vengono usati per la realizzazione di corpi cavi generalmente per grossi anelli.

Una particolarità di questi lingotti è che si tende sempre a non farli raffreddare quindi spedirli all’utilizzatore ancora caldi per evitare il costo del successivo  riscaldo ma soprattutto dal rischio di rotture durante il raffreddamento.



TONDO

Questa tipologia di lingotto è solitamente usata per la creazione di corpi cavi, come anelli o flange.

Negli ultimi anni la tendenza è stata di produrre lingotti sempre più grandi, per quanto riguarda il diametro e la lunghezza.

Attualmente nel resto d’Europa è diventato standard produrre lingotti tondi avente diametri fino a 1.500 mm con lunghezze che possono arrivare tranquillamente a 5.000/ 6.000 mm. Il peso raggiungibile per un tondo è di 80.000 Kg.

La lingottiera usata per la realizzazione di questi lingotti è solitamente dritta con fondo aperto, dato che molto spesso i clienti richiedono di colare lingotti che hanno un peso diverso da quello ottenuto riempiendo  completamente la lingottiera. Essendo dritta si ha la possibilità di posizionare la materozza all’interno e ridurre a piacimento l’altezza e quindi il peso del lingotto in base alla richiesta del cliente.



LINGOTTI BRAMMA

Si utilizzano sia in laminatoi sia per le forge per ottenere lamiere o piatti di grosse sezioni con buone caratteristiche meccaniche. Per ottenere questo è necessario un ottimo rapporto di riduzione e quindi è importante che le sezioni di partenza siano adeguate al prodotto desiderato.



PROTEGGI GETTO

La nostra ditta inoltre produce un articolo molto importante per chi vuole aumentare la qualità dell’acciaio prodotto.

La creazione di una camera quasi stagna tra il cassetto siviera e la colonna di colata permette con l’aiuto dell’argon di isolare completamente il metallo dall’aria circostante evitando l’inevitabile ossidazione dell’acciaio durante il passaggio lasciato tra le due. Questo articolo lo riteniamo indispensabile per che vuole realizzare acciai che hanno delle caratteristiche restrittive.